Il piccolo sciame d’api non c’è più: è stato attaccato e saccheggiato

Sabato 12/11/2016

Appunti di apicoltura
Zona: Belluno
Meteo: Cielo sereno, temperatura 18 °C

E’ una splendida giornata di sole, le temperature sono gradevoli, le api ne approfittano per fare gli ultimi voli spensierati prima dell’ arrivo del freddo, quello vero.

Noto uno strano andirivieni di api attorno alla piccola arnietta in polistirolo la casa dello sciame recuperato ad agosto. Tolgo il coperchio e vedo le fasi finali della battaglia, la piccola e debole famiglia è stata attaccata duramente e saccheggiata.

dav

Le ultime cellette di miele opercolato stanno per essere aperte dalle saccheggiatrici, la regina non c’è più la famiglia è destinata a soccombere definitivamente nel giro di qualche ora. Decido quindi di spazzolare i 3 telaini dalle api assalitrici e recupere le scorte per il prossimo anno. L’apiario purtroppo ritorna a 3 famiglie.

telaino saccheggiato

telaino saccheggiato


Per le altre tre famiglie decido di eseguire il trattamento autunnale anti-varroa.

Verifico prima che non ci sia più covata sui telaini. La varroa si insidia anche sulle larvette nelle celle ancora opercolate. Per questo è fondamentale che tutte le api abbiano sfarfallato per eseguire un trattamento completo. Questo parassita si moltiplica in modo esponenziale per cui è molto importate colpirlo con il massimo dell’ efficacia. Anche poche varroe rimaste vive ora potrebbero voler dire molte varroe infestanti la prossima primavera.

Eseguo il trattamento autunnale antivarroa con sublimato.

Vai agli appunti di apicoltura

Luca Serafini

fragolebio

Il piccolo sciame recuperato ad agosto ora ha le scorte per l’inverno

Sabato 22/10/2016

Appunti di apicoltura
Zona: Belluno
Meteo: Cielo sereno, temperatura 15 °C

Per le mie 4 famiglie d’api solo una ha bisogno di un’ aggiunta di nuove scorte per affrontare con tranquillità il lungo inverno. Ho verificato il peso dei 3 telaini, il miele è scarso meglio preparare un pò di sciroppo 2 a 1 da inserire in un nutritore a tasca.

Cosa ho fatto:

– ho preparato circa 3 kg di sciroppo 2 a 1 utilizzando lo stesso procedimento della scorsa volta (vedi link)

sciroppo per api

– l’ho lasciato raffreddare e successivamente l’ho travasato in una tanica per alimenti

– ho aperto l’arnietta di polistirolo e posizionato un nutritore a tasca

dav

nutritore a tasca

posizionamento nutritore a tasca

– ho versato lo sciroppo nel nutritore

versato lo sciroppo

– ho richiuso l’ arnia in polistirolo

dav

Nel giro di qualche giorno le api sposteranno lo sciroppo nelle cellette vuote dei telaini del nido integrando le provviste per l’inverno.

Vai agli appunti di apicoltura

Luca Serafini

fragolebio