Posizionato il primo melario

Venerdì 15/04/2016

Appunti di apicoltura

Dove: Zona Belluno

Il sole caldo di primavera risveglia la natura, le fioriture di aprile sono bellissime e le api ne approfittano. Con un ritmo forsennato, instancabili vanno avanti e indietro tra fiori e arnie. La temperatura supera i 20 °C è quasi l’una,  le api bottinatrici sono tutte in grande fermento.  Apro le arnie, le 2 famiglie sono tranquille, basta poco fumo per renderle ancor più docili.

Mi rendo subito conto che sono aumentate decisamente di numero nel giro di pochi giorni, la costruzione di celle sopra i telaini e sotto il coprifavo è il segnale che hanno bisogno si spazio per espandere la covata e le proprie importazioni, il melario è proto!

Alzato il coprifavo ecco le api in espansione pronte a costruire anche qui

coprifavo con api

coprifavo con api

Con una spatolina tolgo la cera dal coprifavo, da sopra i telaini eliminando anche i ponti di cera formati.

cera coprifavo da togliere

cera coprifavo da togliere

 

coprifavo pulito

coprifavo pulito

Con la cera recuperata potrò provare a fare una candela 🙂

cera recuperata

cera recuperata

continua pagina 2 >>

2 thoughts on “Posizionato il primo melario

  1. Ciao!Posso chiederti che procedura usi per provare a fare la candela?anche io volevo provarci dai residui di cera!grazie!

    • Ciao Lorenzo, anche per me questa risulta essere una cosa nuova, per ora ho solo raccolto la cera dai telaini, nei prossimi giorni proverò a preparare la mia prima candela! 🙂 Senz’altro inserirò nel mio sito un tutorial passo passo per la sua realizzazione. Da quello che so serve uno stampino, lo stoppino. La cera va sciolta a bagnomaria. Ti farò sapere come andrà! Ciao a presto

      Luca

Leave a Comment