Macerato di ortiche

Dosi per 10 litri di prodotto:

Preparazione:

Il macerato di ortiche può essere preparato utilizzando un qualsiasi contenitore (eccetto il metallo causa di reazioni chimiche indesiderate) riempito di acqua piovana o di rubinetto. Mettere a bagno le parti verdi delle ortiche (escluse le radici) nel rapporto 1:10 quindi per 10 litri d’acqua si immerge circa 1 kg di ortiche. Nel corso della fermentazione il macerato produce molta schiuma e il processo si accellera con il calore del sole.
Lasciare macerare per 5-6 giorni mescolando una volta al giorno in questo modo si va ad ossigenare il composto favorendo la decomposizione. Il recipiente va posizionato in zona soleggiata e deve rimanere aperto o comunque coperto con qualcosa di traspirante per permettere il corretto ricambio d’aria della soluzione.
Il macerato è pronto quando non sviluppa più schiuma e il suo colore è bruno. Se non si sopporta l’odore forte sprigionato è possibile aggiungere un pò di estratto di fiori di valeriana oppure due tre cucchiai di farina di roccia.
Filtrare con un colino diluendo con acqua nel rapporto 1:10 prima di nebulizzare sulle piante.In caso di forti infestazioni da parte di acari ed afidi si può ripetere il trattamento ogni 2-3 giorni. Se non si notano miglioramenti evidenti si può provare a diluire meno il macerato aumentando cosi l’effetto antiparassitario delle ortiche.

L’applicazione diretta sul colletto delle radici può essere utilizzata come tecnica preventiva contro malattie crittogamiche.

Per la preparazione dei macerati noi utilizziamo un recipiente di plastica da 20 litri dotato di rubinetto. Abbiamo sostituito il coperchio ermetico superiore con un telo di yuta per proteggere e consentire il corretto ricambio d’aria del macerato.

 macerato ortiche

ortiche da raccogliere per la preparazione del macerato

IMG_20150416_191108[1]

 recipiente di plastica da 20 litri con soluzione di macerato

Efficace direttamente contro:

Acari, afidi, ragnetto rosso, tripidi, tortricide.
Preventivo contro malattie fungine, rinforza le difese naturali della pianta
fragolebio

Leave a Comment