La prima visita alle api del 2017

Sabato 25/02/2017

Appunti di apicoltura
Zona: Belluno
Meteo: Cielo sereno, temperatura 12 °C

Giornata splendida di sole, temperatura gradevole, il clima è perfetto per visitare le api.

Ho visionato le 3 famiglie verificando principalmente le rose di covata e le scorte.

Famiglia 12

Le rose di covata sono disposte su 3 telaini con diametro di circa 10 cm. Ho compattato la famiglia su 4 telaini (3 di covata e 1 di scorta). Stringo per tenere le api più unite e al caldo favorendo lo sviluppo più rapido della covata. In questa colonia è presente una regina carnica Slovena sostituita ad Agosto dello scorso anno. Le scorte sono abbondanti.

arnia-12-25022017

Famiglia 68

Questa famiglia d’api è più sviluppata: presenta rose di covata di circa 20 cm disposte su 3 telaini. Ho stretto a 4 telaini come sopra. Le scorte sono ottime. Le api sono al lavoro per importare nel nido tutto il candito del sacchetto sopra il coprifavo.

arnia-68-25022017

Famiglia 59

E’ la colonia d’api migliore: presenta rose di covata su 4 telaini (3 di 20 cm e 1 di 10 cm). In questo caso ho stretto a 5 telaini lasciando al centro i 4 di covata e all’ esterno un telaino di scorte.

arnia-59-25022017

Primo polline importato

Prati di bucaneve

dav

Vedi gli appunti di apicoltura
Luca Serafini

fragolebio

Verifica delle scorte di candito

Domenica 19/02/2017

Appunti di apicoltura
Zona: Belluno
Meteo: Cielo nuvoloso, temperatura +3 °C

Le api stanno apprezzando molto il gradito dono del candito. Ho utilizzato 2 metodi di somministrazione per valutarne l’efficacia:

Il sistema con il contenitore di plastica forato alla base (per il procedimento vedi qui). Le api stanno ripulendo la vaschetta, tra qualche ora sarà completamente svuotata.

candito in vaschetta

 

Il sistema con il cono nutritore inserito direttamente nel sacchetto di plastica del candito (per il procedimento vedi qui)

cono nutritore

cono nutritore per candito

 

Tra i due metodi vince sicuramente quest’ ultimo.

I vantaggi sono molteplici:

– uso direttamente il sacchetto senza perder tempo a travasare il candito nella vaschetta di plastica,

– il cono nutritore tiene sollevato il sacchetto consentendo alle api di mangiare agevolmente tutto il candito,

– il candito non cola fuori dal sacchetto essendoci tanti piccoli fori e non un’unico grande foro. Evito quindi lo spreco di parte del prodotto che altrimenti andrebbe a cadere nel vassoio di ispezione sotto

candito caduto nel vassoio

– il candito rimane morbido per più lungo tempo agevolando la nutrizione delle api

sacchetto candito

Vedi gli appunti di apicoltura

Luca Serafini

fragolebio