Acqua con bicarbonato di sodio e aceto contro l’oidio

Un rimedio efficace per combattere l’oidio risulta quello di utilizzare una soluzione composta da acqua, bicarbonato di sodio e aceto. Risulta un utile alternativa alle soluzioni con zolfo. Il bicarbonato di sodio ha pH neutro, ciò significa che non altera il pH della terra anche se somministrato per via radicale potrebbe impedire il corretto assorbimento del ferro della pianta portandola a clorosi ferrica.

bicarbonato di sodio e acqua

bicarbonato di sodio

Dosi per un litro di prodotto:

Per ogni litro d’acqua indicativamente vanno mescolati un cucchiaio grande di bicarbonato di sodio e un cucchiaio di aceto. Per favorire l’azione fissante risulta utile aggiungere un pò di sapone di marsiglia o comunque puro sapone in pasta a base potassica ( circa 20 gr per litro) oppure un cucchiaio d’ olio (oliva, girasole, arachidi, colza).

Nebulizzare la soluzione sulle piante colpite da oidio possibilmente la sera o la mattina presto o comunque nelle ore di minore insolazione poichè temperature alte superiori a 35°C possono provocare bruciature delle foglie. Ripetere il trattamento a distanza di qualche giorno.
Io utilizzo questo preparato come tecnica preventiva contro l’oidio spruzzandolo sulle piante di fragola ogni quindici giorni.

vedi altri antiparassitari biologici

fragolebio

Macerato di consolida (Symphytum officinale)

La pianta di consolida:

La consolida è una pianta perenne, presenta foglie appuntite di forma ovale , si può sviluppare fino ad un metro d’altezza. I suoi fiori penduli possono essere di diverse colorazioni: rosa, viola o raramente bianchi. Preferisce un terreno umido e parzialmente soleggiato, non soffre il caldo e il freddo eccessivo infatti può adattarsi a temperature estreme ( da – 20 gradi a + 35 gradi).

Riproduzione:

E’ possibile riprodurre la pianta per talea di radice: in primavera si possono interrare in vaso ad una profondità di qualche cm dei frammenti di radice. Annaffiare regolarmente finchè non nasceranno i primi germogli. Dopo circa un mese sarà possibile posizionarla in piena terra.

Preparazione del macerato (dosi per 10 litri):

Per la preparazione del macerato di consolida è sufficiente utilizzare circa 1 Kg di pianta fresca raccolta durante la primavera-estate oppure circa 200 grammi di pianta essiccata che vanno immersi in un recipiente riempito con 10 litri d’acqua.Lasciare macerare per 5-6 giorni mescolando una volta al giorno in questo modo si va ad ossigenare il composto favorendo la decomposizione. Il recipiente va posizionato in zona soleggiata e deve rimanere aperto o comunque coperto con qualcosa di traspirante per permettere il corretto ricambio d’aria della soluzione.Il macerato è pronto quando non sviluppa più schiuma e il suo colore è bruno. Se non si sopporta l’odore forte sprigionato è possibile aggiungere un pò di estratto di fiori di valeriana oppure due tre cucchiai di farina di roccia.

Filtrare con un colino diluendo con acqua nel rapporto 1:10 prima di nebulizzare sulle piante.In caso di forti infestazioni da parte di acari ed afidi si può ripetere il trattamento ogni 2-3 giorni. Se non si notano miglioramenti evidenti si può provare a diluire meno il macerato aumentando cosi l’effetto antiparassitario.

Si può bloccare la fermentazione del macerato e favorire la conservazione aggiungendo 2-4% di aceto rispetto alla quantità preparata. La soluzione si può conservare agevolmente in un recipiente chiuso e in luogo buio e fresco anche per 18 mesi.Passato questo periodo è comunque possibile riutilizzarlo come fertilizzante stimolatore naturale della crescita delle piante nel rapporto 1 a 20 (ogni litro di macerato va diluito in 20 d’acqua).

Questo macerato, contentente acido salicico, è efficacie come prevenzione alle malattie fungine. Il trattamento preventivo può essere ripetuto una volta alla settimana. Se le piante sono già affette da patologia fungina è possibile trattare per tre quattro giorni consecutivi. Si può utilizzare efficacemente come fertilizzante ricco di oligoelementi, azoto e potassio.
Questa pianta officinale si trova anche in erboristeria trasformata in crema per il trattamento di irritazioni ed eczemi della pelle.

Symphytum officinale

consolida fragolebio

pianta di consolida

 

Efficace direttamente contro:
Le malattie fungine principali (muffa grigia, ruggine, mal bianco), rinforza le difese naturali della pianta.
Si può potenziare l’efficacia del macerato di consolida integrandolo con il macerato d’ortica. In questo caso la sua azione sarà a più ampio spettro risultando ancora più efficace contro i principali parassiti: acari, afidi, ragnetto rosso, tripidi, tortricide, cocciniglia.

vedi altri antiparassitari biologici

fragolebio

Decotto di equiseto selvatico (Equisetum arvense)

La pianta di equiseto:

E’ una pianta erbacea composta da fusti fertili e sterili. I primi sono di colore verde chiaro e raggiungono un’altezza di 30 cm mentre i secondi sono di un verde intenso,si sviluppano d’estate arrivando a 60 cm d’altezza. E’ dislocata solitamente vicino ai corsi d’acqua e terreni umidi. Si può trovare in pianura, in collina ma anche in montagna resiste senza difficoltà  fino a 2000 metri di quota.

Per la preparazione del decotto di equiseto selvatico è sufficiente utilizzare circa 1 Kg di pianta fresca raccolta durante l’estate (fusti verdi sterili ricchi di silicie) oppure circa 200 grammi di pianta essiccata che vanno immersi in un recipiente riempito con 10 litri d’acqua. Dopo 24 ore di ammollo far bollire il composto per circa mezzora a bassa fiamma. Successivamente è possibile filtrare la soluzione e diluire nel rapporto 1:5 (ogni litro di decotto va mescolato con 5 litri d’acqua).

Questo decotto, contentente acido salicico, è ottimo come prevenzione alle malattie fungine.Riempire il nebulizzatore e irrorare sulle piantine da trattare preferendo una giornata di pieno sole con clima asciutto. Il trattamento preventivo può essere ripetuto una volta alla settimana. Se le piante sono già affette da patologia fungina si può trattare per tre quattro giorni consecutivi. L’equiseto, erba officinale ricca di acido silicico, ha inoltre numerose proprietà benefiche per l’organismo: contrasta l’osteoporosi, rinforza denti, ossa, capelli e unghie, tonifica la pelle.

equiseto

pianta di equiseto selvatico

 

Efficace direttamente contro:
Le malattie fungine principali (muffa grigia, ruggine, mal bianco), rinforza le difese naturali della pianta.
Si può potenziare l’efficacia del decotto di equiseto mescolandolo con il macerato d’ortica. In questo caso la sua azione sarà a più ampio spettro risultando efficace anche contro i principali parassiti: acari, afidi, ragnetto rosso, tripidi, tortricide, cocciniglia.

vedi altri antiparassitari biologici

vedi libri dell’ orto

fragolebio