In Olanda è stata realizzata la prima giostra per bambini che produce energia elettrica

Una giostra che unisce l’utile al dilettevole: oltre che adatta al divertimento dei bambini utile per l’ambiente e l’energia. I bambini grazie al loro movimento producono energia cinetica la quale è trasformata in energia elettrica accumulata in una batteria.

giostra

La giostra è dotata di corde su cui i bambini si dondolano e di seggiolini sui quali possono sedersi e girare. Tutti questi movimenti contribuiscono alla produzione di energia elettrica. Questa energia autoprodotta sarà utile per l’illuminazione serale della giostra stessa. I bambini devono essere sensibilizzati alla produzione di energia alternativa e pulita. Il futuro di sostenibilità ambientale è nelle loro mani. Aiutiamoli a capire l’importanza di questo tema a favore di un mondo migliore.

ankamacha

Energia eolica ad alta quota

Un’ azienda italiana ha sperimentato una nuova tecnologia che sfrutta il vento d’alta quota per produrre energia elettrica.

Vengono utilizzati venti troposferici dai 600 m fino ai 3 Km d’altezza.Il principio di funzionamento è relativamente semplice: un’ ala di materiale leggero e flessibile disegnata in modo aerodinamico vola in quota spinta dal vento. Questo movimento genera una trazione sui cavi che la collegano al suolo. Questi cavi sono avvolti su un tamburo rotante collegato a sua volta ad alternatori e motori elettrici. La trazione sui cavi fa ruotare il tamburo producendo energia cinetica trasformata a sua volta in energia elettrica da parte degli alternatori.

Terminata la fase estensiva del cavo, l’ala è portata in posizione di non resistenza rispetto al vento (posizione bandiera), in questo modo il cavo è riavvolto al tamburo con il minimo consumo di energia elettrica. Dopo il riavvolgimento si ripete il ciclo in continuazione, la vela va su e giù come uno yo-yo. Un prototipo sperimentale è stato installato nel 2011 nel comune di Sommariva Perno (CN). La produzione su scala industriale è programmata per l’autunno 2013 (macchine da 3 MW).

ankamacha

Fragola rifiorente Anais

ANAIS

VARIETA’: Fragola rifiorente dalla produzione elevata, di calibro medio bella e buona, dolce e saporita. E’ una pianta dalla vegetazione rustica.

PERIODO DI PRODUZIONE: Da maggio a ottobre. In serra si può anticipare il raccolto di primavera di 2-3 settimane e ritardarlo in autunno fino ai primi freddi.

FRUTTI: Fragola dolce, brillante dal buon aroma. Mantiene una dolcezza costante per tutto il periodo di produzione. Si conserva bene fino ad alcuni giorni dopo il raccolto.

fragolebio anais

COLTIVAZIONE: Si presta bene per la coltivazione in pieno campo e anche in vasi fuori suolo. Le fragole frigoconservate si piantano da gennaio a marzo; quelle in vaso
in qualsiasi mese dell’anno.Il terreno deve essere ben concimato possibilmente tendenzialmente acido. La distanza ottimale è di 50 cm tra le file e di 35/40 cm lungo le file. Per la raccolta di frutti sani e puliti è consigliabile pacciamare il terreno evitando così che la fragola si sporchi e marcisca a contatto con la terra umida. Concimare a giuste dosi, un eccesso di fertilizzante può portare ad un eccessivo sviluppo vegetativo a sfavore della produttività. Le foglie e i mazzetti floreali vecchi vanno costantemente tagliati favorendo in questo modo la crescita delle nuove foglie e dei nuovi fiori.

fragolebio